Blog Arts

"Wo|Man-Ray. Le seduzioni della fotografia" di Caterina Giovanardi

Original Version


Man-Ray Pseudonimo del pittore, fotografo e regista statunitense Emmanuel Radinski (Filadelfia 1890- Parigi 1976). Tra i protagonisti del dadaismo a New York, si trasferì a Parigi nel 1921, dove si unì agli artisti dada e surrealisti, mantenendo costante, nei diversi ambiti, la ricerca e la sperimentazione di tecniche innovative che esaltassero le potenzialità espressive dei materiali e dei mezzi prescelti.

Vita. Abbandonati gli studi di architettura, M.-R. si dedicò alla pittura; a New York le mostre organizzate dalla Galleria 291 di A.Stienglitz e l'Armory Show (1913) lo posero di fronte alle più stimolanti espressioni dell'avanguardia europea. Divenuto uno dei protagonisti del dada a New York, nel 1921 si trasferì a Parigi, divenendo parte della comunità artistica dada e surrealista e continuando la sua ricerca all'insegna della sperimentazione. Nel 1940 ritornò negli USA, dedicandosi prevalentemente alla pittura e, dal 1951 fu di nuovo a Parigi.

Opere

L'influenza di Stieglitz, che lo iniziò anche alla fotografia, e la presenza a New York di M.Duchamp e F. Picabia catalizzarono i suoi interessi indirizzandolo verso un rapporto rivoluzionario e anticonformista con il prodotto artistico: uso dell'aerografo in pittura, della fotografia (all'inizio come mezzo di riproduzione delle proprie opere), creazione di oggetti caratterizzati sempre da precisi interventi, manipolazioni o assemblages. Al primo periodo newyorkese risale il misterioso oggetto, avvolto in una coperta e fotografato, "L'Enigme d'Isidore Ducasse(1920). Negli anni successivi, seguì intensa attività di fotografo (gli innumerevoli ritratti, i "Rayographs" fotografie ottenute con la semplice interposizione dell'oggetto tra la carta sensibile e la fonte luminosa, le solarizzazioni) Nei decenni seguenti M.-R. continuò a proporre, accanto a dipinti ed altre creazioni, fotografie ("Les voies lactées", 1973), che testimoniano la sua inesauribile e gioiosa inventiva nell'uso del paradosso, dell'irrazionale, della semplice illusione, e l'utilizzazione spregiudicata delle tecniche. Le sue opere sono conservate per lo più in collezioni private; la sua autobiografia (1963) è stata tradotta in it. (1975) e riproposta in "Tutti gli scritti" (1981).

'I paint what cannot be photographed. I photograph what I do not wish to paint' [Man-Ray]



Dal 17 ottobre 2019 al 19 gennaio 2020, CAMERA Centro Italiano per la Fotografia a Torino rende omaggio al grande maestro con la mostra "wo/MAN RAY.Le seduzioni della fotografia" che racchiude circa duecento fotografie, realizzate da Man Ray a partire dagli anni venti fino alla morte (avvenuta nel 1976), tutte dedicate a un preciso soggetto, la donna, fonte di ispirazione primaria dell'intera sua poetica, proprio nella sua declinazione fotografica.


​MAN RAY IN FOTO

​"Wo|Man-Ray. Le seduzioni della fotografia" By Caterina Giovanardi


English Version

Man-Ray . Pseudonym of the American painter, photographer and director Emmanuel Radinski (Philadelphia 1890- Paris 1976). Among the protagonists of Dadaism in New York, he moved to Paris in 1921, where he joined the Dada and Surrealist artists, keeping constant, in different fields, the research and experimentation of innovative techniques that enhance the expressive potential of the materials and chosen means.

Life.Abandoned architecture studies, M.-R. He devoted himself to painting; In New York, the exhibitions organized by Gallery 291 by A.Stienglitz and the Armory Show (1913) put him in front of the most stimulating expressions of the European avant-garde. He became one of the protagonists of the Dada in New York, in 1921 he moved to Paris, becoming part of the Dada and Surrealist art community and continuing his research in the name of experimentation. In 1940 he returned to the United States, mainly devoting himself to painting and, from 1951, he was back in Paris.

 Works. 

Stieglitz's influence, which also began him with photography, and the presence in New York of M. Duchamp and F. Picabia catalyzed his interests, directing him towards a revolutionary and unconventional relationship with the artistic product: the use of airbrushine in painting, (at first as a means of reproduction of his own works), creation of objects always characterized by precise interventions, manipulations or assemblages. In the early New York period, the mysterious object, wrapped in a blanket and photographed, "L'Enigme d'Isidore Ducasse" (1920), In the following years, he followed intense activity as a photographer (the countless portraits, the "Rayographs", photographs obtained with the simple interposition of the object between the sensitive paper and the light source, the solarizations) In the following decades M.-R. he continued to propose, alongside paintings and other creations, photographs ("Les voies lactées", 1973), which testify to his inexhaustible and joyful inventiveness in the use of paradox, irrational, simple illusion, and unscrupulous use of Techniques. His works are mostly kept in private collections; his autobiography (1963) has been translated into it. (1975) and re-proposed in "All Writings" (1981).

'I paint what cannot be photographed. I photograph what I do not wish to paint' [Man-Ray]



 From 17 October 2019 to 19 January 2020, CAMERA Italian Centre for Photography in Turin pays tribute to the great master with the exhibition "wo/MAN RAY. The seductions of photography" enclosing about two hundred photographs, taken by Man Ray from the 1920s until his death (which occurred in 1976), all dedicated to a specific subject, the woman, the primary source of his entire poetics, precisely in his photographic declination

​MAN RAY IN PICTURES

CRISTINA DE MIDDEL. Fotógrafa Documental y Artist...
SECCIÓN ARTE Y LITERATURA // SUSAN SONTAG, Antes d...

Related Posts

 

Comments

No comments made yet. Be the first to submit a comment
Already Registered? Login Here
Guest
Thursday, 26 November 2020
If you'd like to register, please fill in the username, password and name fields.