Blog Arts

Steve McCurry

Di Caterina Giovanardi-The 3Nines Arts 

Steve McCurry

Il fotografo statunitense Steve McCurry è noto in tutto il mondo per le sue bellissime immagini di carattere documentaristico.

L'essenza della sua arte è riassunta in una sua famosa frase: "Molte delle mie fotografie rappresentano soggetti umani. Cerco di catturare i momenti nascosti, l'essenza dell'anima che sbircia all'esterno, la vita che solca il volto umano. Cerco di trasmettere ciò che significa essere quella persona, sorpresa in uno sconfinato paesaggio che potremmo chiamare quello della condizione umana."

Nato il 23 aprile 1950 in un piccolo sobborgo di Philadephia in Pennsylvania, si è laureato a con lode alla Pennsylvania State University ed ha iniziato subito a lavorare per un giornale locale. 

Dopo alcuni anni decide di diventare un fotografo freelance, parte per India e Nepal con l'obiettivo di realizzare servizi geopolitici per i periodici.

Nel 1979, indossando vesti tradizionali, attraversa il confine del Pakistan per entrare nella zona afgana controllata dai ribelli prima dell'invasione russa. Le pellicole fotografiche che diverranno le prime immagini del conflitto sono cucite lungo i suoi abiti.

Il suo servizio vince la Medaglia d'oro Robert Capa per il Miglior Reportage fotografico dall'estero e inaugura una lunga carriera di premi e riconoscimenti. Diviene inviato per conto di testate importanti, quali Time, inizia a lavorare per National Geographic, che gli garantisce la possibilità di approfondire i temi dei suoi servizi; i suoi reportage comprendono Tibet, Afghanistan, Iraq, Yemen e i templi di Angkor Wat, in Cambogia.

McCurry si è ispirato a famosi fotografi come André Kertész e Walker Evans ed ha frequentato il maestro Henri Cartier-Bresson, uno dei fondatori dell'Agenzia Magnum, di cui McCurry è membro dal 1986. 

Ha documentato gli eventi accaduti l' 11 settembre 2001 al World Trade Center di New York, città in cui vive.

Le fotografie di McCurry fanno parte delle collezioni dei principali musei del mondo.

Ha pubblicato numerosi libri.

Attualmente in Italia sono visibili due mostre monografiche di Steve McCurry:

Bologna - dal 30 novembre 2018 al 6 gennaio 2019 Steve McCurry – Una Testa un Volto 


PALAZZO D'ACCURSIO

Piazza Maggiore 6 

Quaranta grandi ritratti, con alcuni inediti, che raccontano l'unicità di ogni individuo, con lo stile inconfondibile di uno dei più grandi maestri della fotografia contemporánea.

https://www.biennale.coop/mostra/ 

Milano - dal 15 dicembre 2018 al 31 marzo 2019 Steve McCurry – Animals MUDEC – MUSEO DELLE CULTURE

Via Tortona 56

Gli animali sono i protagonisti di 60 scatti iconici, tra famosi e meno conosciuti che raccontano al visitatore le mille storie di vita quotidiana che legano indissolubilmente l'animale all'uomo e viceversa. 

 http://www.mudec.it/ita/steve-mccurry/

Steve McCurry 

By Caterina Giovanardi-The 3Nines Arts  
Steve McCurry

The American photographer Steve McCurry is known worldwide for its beautiful documentary styled images.
The essence of his art is summed up in his famous quote: "Many of my photographs are human subjects. I try to capture the hidden moments, the essence of the soul peeking out, the life that flows through the human face. I try to convey what it means to be that person, caught in an endless landscape of what we might call the human condition. "

Born April 23, 1950 in a small suburb of Philadephia in Pennsylvania, He graduated from magna cum laude from Pennsylvania State University and immediately began working for a local newspaper.

After a few years he decided to become a freelance photographer, he left for India and Nepal with the aim of achieving geopolitical services for periodicals.

In 1979, wearing traditional robes, crosses the border into Pakistan in the Afghan area controlled by the rebels before the Russian invasion. The photographic film that will become the first images of the conflict are sewn along its clothes.
His coverage won the Robert Capa Gold Medal for Best Photographic report from abroad, and inaugurated a long career of awards. It becomes sent on behalf of prominent publications such as Time, he began working forNational Geographic, which gives him the opportunity to explore the themes of its services; his reportingincluding Tibet, Afghanistan, Iraq, Yemen, and the temples of Angkor Wat, Cambodia.

McCurry was inspired by famous photographers like André Kertész and Walker Evans and Henri attended the Master Cartier-Bresson, one of the founders of the Magnum agency, which McCurry is member since 1986.

He documented the events of the 'September 11, 2001 at New York's World Trade Center, the city in which he lives.

McCurry's photographs are part of the collections of major museums around the world.

He has published numerous books.

Currently in Italy we can see two exhibitions of monographic Steve McCurry:

Bologna - from November 30 2018 to January 6, 2019
Steve McCurry - A Head a Face

PALACE ACCURSIO
Piazza Maggiore 6

Forty large portraits, with some unpublished, that tell the uniqueness of each individual, with the unique style of one of the greatest masters of contemporary photography.

https://www.biennale.coop/mostra/ 


Milan - since December 15, 2018 to March 31, 2019
Steve McCurry - Animals
MUDEC - MUSEUM OF CULTURES
Via Tortona 56
The animals are the stars of 60 iconic shots of famous and less known that tell the visitor the many stories of daily life that inextricably link the animal to man and vice versa.

http://www.mudec.it/ita/steve-mccurry/

Paula Anta, Artista Visual
Max Miechowski, ‘Burgess Park’

Related Posts

 

Comments

No comments made yet. Be the first to submit a comment
Already Registered? Login Here
Guest
Wednesday, 23 September 2020
If you'd like to register, please fill in the username, password and name fields.